Elogio alla 5tronzaggine

Vedete gente il mondo segue regole inspiegabili.
Ho passato anni cercando di capire quale spiegazione logica fosse alla base
dell’ingiustizia cronica che domina la nostra vita.
La risposta è arrivata un giorno , improvvisa e crudele.
La risposta è nell’errore di considerare la nostra pacifica esistenza una
naturale essenza dell’animo umano.
Non è così , e più il tempo passa , più la logica della bontà diventa una
illogica minoranza. Lo stronzo trionfa , accade perché esiste un momento
nella vita di ogni uomo in cui si prende consapevolezza che gli scrupoli
rallentano la corsa , qualsiasi corsa verso qualsiasi traguardo.
Lo scrupolo , se ascoltato , calma la coscienza ma aumenta la fatica , in
caso contrario ferisce la coscienza ma alleggerisce le gambe.
Così quando il bambino , di fronte ad un primo scrupolo , si trova di fronte
alla scelta decide in quell’istante se da grande sarà buono o figlio di
puttana.
Due strade opposte , unite da un comune controsenso: chi decide di fare meno
fatica vedrà premiata la sua pigrizia e la sua stronzaggine , al contrario ,
chi decide di rispettare le regole ed il percorso si vedrà automaticamente
penalizzato.
E’ una realtà di merda che fa incazzare , ma è una regola di cui è
necessario prendere atto. Bisogna essere sempre consapevoli delle proprie
scelte , più che mai quando ci penalizzano.
Esiste un uomo "stronzo" che vuole farmi la guerra , l’uomo ha le armi ed il
potere ma non la ragione , l’uomo segue la strada della rabbia e della
collera e minaccia il mio "cavallo" e la mia casa. L’uomo ha la forza di chi
da piccolo ha abbandonato il peso degli scrupoli e sogna la vendetta.
E’ come un pescatore rimasto a secco che da la colpa al verme e non
all’errore di aver scelto l’esca sbagliata.
E’ il classico stronzo di successo , che un giorno s’accorgerà di aver
regalato il suo successo al nulla in sei sette cifre del suo conto corrente. Io
non so chi abbia inventato la prima moneta , so per certo che ha fatto un
torto all’umanità e sicuramente anche a se stesso.
L’uomo trasforma la sua disonestà in fame di giustizia ingiusta, dimentica i
passi percorsi perché corre dietro a chi sta davanti , l’uomo vuole
prendermi per il collo e sbattermi giù dal mondo e diventa pazzo non
trovando dove il mondo finisca e cominci il dirupo. Ed io rido , rido a
crepapelle , quasi mi commuovo di fronte a tanta stronzaggine , mi assale un
ondata di allegria e pazienza , mi aspetto il peggio sapendo che c’è di
peggio , qualsiasi cosa accada non riesco a trattenere le risate di fronte
alla rabbia di uno stronzo affamato di soldi e di sangue. Del mio sangue.
Penso e ripenso al cammino , se mi guardo indietro riesco a vedere le ultime
orme , riconosco la linea immaginaria del percorso , nell’aria ancora le
parole migliori ascoltate , quelle rimaste appese alla memoria. Un pakistano
mi chiede: "Posso farti benzina , voglio solo un euro."
Certo, rispondo.
Il pakistano ha una faccia signorile , parla inglese perfettamente , è
gentile ed ispira dolcezza.
Gli chiedo: "Dov’è il Pakistan ?" "Vicino all’India." Mi risponde. "E perché
sei qua?" Chiedo. " In Pakistan niente lavoro…." dice. "Certo che qua è
dura." Dico mentre mi fa il pieno. La sua risposta: "Non è dura….otto ore
di lavoro ogni giorno , 10 o quindici euro, così mangio…vabene…no?????"
Lo dice credendo a quello che dice , smettendo di farmi benzina e sorridendo
teneramente , non a me , ma alla vita che lo ha sbattuto così lontano da
casa a riempire i serbatoi di stronzi come me che con un pieno spendono
quello che lui guadagna in cinque giorni." Mentre percorro Melchiorre Gioia
andando verso casa mi assale un senso di saggia accettazione del mio destino
, qualsiasi cosa accada andrà bene perché qualcuno ha deciso di pormi nella
parte fortunata del mondo.
Ed io non so nemmeno chi ringraziare.
La faccia del dolce Pakistano cancella il volto dello stronzo , la saggezza
non è un libro letto ma un libro compreso , la gioia non è nella serenità ma
nella sua consapevolezza.
Povero stronzo così in malafede con me e con se stesso , così attaccato ai
suoi sogni da esserne schiavo , così povero di spirito da essere ricco , e
così ricco da essere immensamente e disperatamente povero di anima. 
 
(Anonimo 🙂 )
Advertisements