When the shit hits the fan – Ovvero quando berlusconi organizza una manifestazione

 

pubblicata da Mauro Miccolis il giorno sabato 20 marzo 2010 alle ore 10.25

[Mauro Miccolis]
When the shit hits the fan è un modo di dire anglosassone,
che tradotto letteralmente significa “Quando la merda colpisce il ventilatore”.
Mi torna sempre in mente quando berlusconi è la sua gang iniziano a muoversi
o parlare.
Sporcano tutto quello che toccano, anche solo delle idee, con le parole.
Ed ecco, che fedele a questo principio, berlusconi trasforma le manifestazioni di piazza,
che dovrebbero essere dei movimenti spontanei e gioiosi,in un momento di competizione.
E non sono brutte solo le intenzioni,cioè quello che lui vorrebbe ricavare dalla manifestazione:
e cioè l’effetto mediatico di una piazza piena di gente per convincere l’elettorato che sono tanti…
Forse vuole convincersi anche lui di questo….visto il brusco calo di consenso.
Ma c’è scarsa adesione,pare…e allora ecco che esce fuori l’ideologia berlusconiana:
riempire la piazza per forza,fa nulla se la gente non ci vuole venire, ricattate gli abruzzesi;
gli ho dato le case? Sono obbligati a venire.

Questo evento, e i modi di operare hanno tutto il sapore di una deportazione…più che
di un momento gioioso da condividere con altre persone.
Sperano di fare almeno un milione di persone, con questi metodi coatti e forzosi…
ad ogni modo i vertici hanno già stabilito, che se dovessero fare meno di un milione…
fa nulla, in televisione si dirà che erano un milione.
Che tristezza….

Annunci