Gli “Incappucciati” a Roma

corda

di Mauro Miccolis

Poichè gli uomini sono qualche volta malvagi, mettetevi in condizione di fare qualche volta del male, soltanto perchè non si osi farne a voi (Pierre Marivaux)

Una semplice riflessione sulla festa degli Indignados tenutasi ieri 15 Ottobre 2011 a Roma, rovinata da un manipolo di facinorosi violenti. Il mondo politico italiano, condanna con voce unanime i disordini accaduti; non mi sorprende, essendo il mondo politico l’oggetto della protesta, sia dei violenti che dei non violenti. Il messaggio che lancia il mondo della politica italiana, il Signor Draghi, la Stampa e la TV (insomma, il potere) è che non si protesta così; va bene una manifestazione festosa e colorata, ma quello che hanno fatto gli “incappucciati” no, è brutto, è cacca. Quelli con i cappellini colorati sono bravi, gli altri delinquenti, e loro che giudicano,persone onestissime ovviamente, vittime e spettatori inermi di quello che è successo.

Eh si, perché nei prossimi giorni, a parlare di questi pericolosissimi “incappucciati”, si trascureranno gli altri di incappucciati, quelli che siedono a Montecitorio, che sono 20 anni che devastano la democrazia italiana, 20 anni che devastano la società civile a colpi di leggi, che hanno permesso al neoliberismo di divampare come un incendio e bruciare trilioni di dollari e il futuro di intere generazioni.

mario-draghi-jean-110925082209_big

Voi tutti Politici Italiani siete i veri colpevoli di quanto è accaduto a Roma, voi tutti Politici Italiani (e quindi DIPIETRO, VENDOLA,BERSANI,PDL,UDC….tutti) siete colpevoli di aver sacrificato le nostre vite al Dio Denaro, ai mercati, ad una finanza senza regole, senza etica, senza cervello.

La gente finalmente sta iniziando a capire, e lo dimostra in tutti i modi possibili, e la politica e l’intero establishment finanziario, farà di tutto per fermare questo processo di disvelazione della verità.

Non credete ad IDV, a Dipietro,  Mentre in Italia si straccia le vesti per la manovra economica, in Europa l’Italia dei Valori vota provvedimenti che costringeranno i governi europei ad adottare misure da macelleria sociale. I deputati IdV al Parlamento europeo hanno votato insieme alle destre (e quindi anche insieme all’odiato, in Italia, PdL di Berlusconi) per la supremazia delle logiche monetarie sui bisogni delle persone in carne ed ossa. Ma anche qui in italia, IDV vota insieme alle destre, come è possibile dimenticare l’orribile legge sul Federalismo Demaniale, che permetterà alle regioni e i comuni di svendere i beni pubblici per quattro soldi, e di trasformare ricchezza pubblica in ricchezza di pochi privatii?

Non credete al SEL e a Vendola,lui parla benissimo, è in grado di far emozionare le folle quando è sul palco, ma dietro la scrivania è come gli altri, anche peggio degli altri. Il suo partito, si chiama : “Sinistra,Ecologia,Libertà”, ingenuamente avevo creduto che fossero tre valori da difendere, ed invece sono i tre valori immolati all’altare di Confindustria e della sua orribile sacerdotessa, la Signora Marcegaglia. Cosa c’è di ecologico a schierarsi al fianco di Marcegaglia e difenderla, con una ostinazione scellerata e irrazionale che ha visto lo stesso Nichi Vendola costituirsi, in qualità di presidente di tutti i pugliesi, con soldi pubblici per la retribuzione degli avvocati reclutati, e di tutte le connesse spese legali, al fine di difendere i soli interessi della ditta CoGeAm, il cui progetto è stato messo in discussione davanti ai giudici del Tribunale Amministrativo Regionale di Puglia sezione Lecce, da un ricorso, motivato proprio dal rischio “inquinamento falda acquifera a Corigliano D’Otranto”, e presentato dal Coordinamento Civico e dai Comuni di Corigliano d’Otranto, Melpignano, Soleto, Zollino, etc.

Cosa c’è di Sinistra, nel chiudere ospedali pubblici, ed aprire ospedali privati (finanziati con soldi pubblici) che offrono meno posti letto, e che come insegna il mercato alla fine costeranno di più ai malati?

Che cosa intende per Libertà, un leader, che per affossare un referendum, che avrebbe restituito la dignità e il potere del voto agli italiani, si è invece schierato al fianco di Dipietro per scippare gli Italiani di un vero Referendum, imponendo uno fasullo. E quanto è successo a proposito di questo referendum, dovrebbe far suonare un campanello d’allarme agli italiani; è la dimostrazione che l’Italia non è pronta a potenziare i meccanismi della democrazia diretta, semplicemente perché gli italiani si abbeverano da un’unica fonte di informazione, quella gestita dal potere.

LaBeauteEstDansLaRue

Quindi, amici miei, che dirvi? La Bellezza, è per strada….

Annunci