BCE e EUROPA, perseguono gli interessi degli USA

signoraggio_

di Rinascita

il debito pubblico degli USA è ormai giunto a livelli di pericolo Crack,oltre 14400 miliardi di dollari. La presidenza di Obama ha deciso di procrastinare al maggio prossimo, ogni decisione in merito ai conseguenti tagli al bilancio, e con la FED ha continuato ad immettere forte liquidità nel sistema,per incentivare i consumi e permettere all’economia reale di girare.

Esattamente il contrario di quanto deciso dall’eurocrazia,fedele alle pratiche di rigore e di austerità riduttrici di benessere sociale.

E’ un fatto che la creazione di ulteriore debito e maggiore liquidità riesca a pilotare la svalutazione del dollaro rispetto alle altre monete, e dell’euro in particolare; una politica che ha l’evidente intento di rendere i prodotti americani più competitivi, strappando fette di mercato europeo a beneficio dei produttori USA.Poiché la politica monetaria degli USA è più che palese,ci appare chiaro che i nostri NON ELETTI manovratori della BCE,non stanno certo operando per il bene comune dei popoli europei.Tenendo stretta l’economia europea,non immettendo liquidità,tenendo alto il valore dell’euro,evidentemente fanno gli interessi degli USA,provocando recessione,stagnazione e disoccupazione diffusa ovunque.Loro però affermano imperterriti e spocchiosi di agire per il bene europeo.

Occorre fare fronte. Aggregare ogni limatura di uomini liberi, perché c’è un mostro da
distruggere: la cosiddetta “Unione europea”.

Annunci