Matrioska di gabbie

di Mauro Miccolis
Una cosa positiva nella crisi c’è: mi ha regalato tanto tempo per leggere, informarmi e studiare tante cose.Ed oggi mi rendo conto che le 8 ore lavorative,servono principalmente per questo, per imperdire alle persone di interessarsi della “cosa pubblica”. In un periodo in cui l’automazione e la produttività è all’apice, c’è gente come Marchionne che vuole aumentare gli orari lavorativi, è pazzesco, invece di ridurre l’orario di lavoro, i padroni vogliono che si lavori di più, il motivo è appunto perchè la gente sta diventando cosciente.
Ho iniziato il mio risveglio nel 2009, votavo PD….pensate come ero ottuso; non capivo assolutamente niente di politica, e non capivo cosa stava succedendo al mio paese.Quindi da PDino sono passato nella massa degli scontenti, che partecipava a tutte le proteste e manifestazioni : “No B Day”,popolo viola e chi più ne ha più ne metta. Ero uscito da una gabbia di bugie per finirne in un’altra più larga e comoda preparata dal m5s , il cui vero intento è l’americanizzazione dell’Italia attraverso lo smantellamento della costituzione; ma per chi sfuggiva alla gabbia del m5s c’era pronta quella dei distruttori del PCI, per chi è sfuggito a tutti questi ciarlatani, il sistema ha pronto un altro burattino: Landini.
Il nostro mastro Geppetto Santoro, intagliatore di burattini di sinistra, concede ampio spazio a questo ciarlatano, che dice cose bellissime in tv (avessi io il suo carisma,la sua capacità di parlare alle masse), ma in piazza,sino ad oggi ha dimostrato di essere dalla parte dei padroni.
Per chi in questo momento sta pensando: “la FIOM non è la CGIL, si informi!” La FIOM è nella CGIL, e fa quello che la CGIL gli ordina, a completo detrimento dei diritti dei lavoratori. Se Monti e la Fornero hanno fatto quello che hanno fatto, è perché ai vertici dei sindacati ci sono questi ipocriti, che a parole sono dalla parte dei lavoratori, ma nei fatti sono disponibili solo ad organizzare Nano scioperi di poche manciate di minuti  Negli anni 60-70, anni in cui i sindacati hanno ottenuto i “privilegi” (secondo confindustria,diritti secondo i lavoratori) che oggi ci vogliono togliere, i sindacati organizzavano vere e proprie guerre di piazza, veri scioperi, e c’era chi sparava…oggi si sparano solo cazzate, e la gente continua a perdere diritti,lavoro e la vita.
Troppi pompieri in questo paese, e pochi incendiari.
Quindi ora la gabbia si chiama Landini-Rodotà: è impossibile che facciano un nuovo partito, non c’è tempo, si presteranno come specchietto per le allodole nel PD o SEL.Sia ben chiaro che io condivido e appoggio lo spirito e i contenuti del loro appello  «La via maestra»;  ma contemporaneamente mi chiedo come mai un fine costituzionalista come Rodotà o un protettore degli innocenti come Landini non si siano mai scagliati contro l’euro e l’Europa che sono i mandati di tutto quello che stiamo patendo. L’euro è un progetto fascista, che mira all’americanizzazione dell’Europa, il che significa concentrare le ricchezze nelle mani di pochi (banchieri) e il resto schiavi; a questo si giunge attraverso le privatizzazioni selvagge, e il liberismo e ovviamente attraverso l’euro, che altri non è che denaro prestato a strozzo dalla BCE (banca privata).
La “Via Maestra” per uscire dalla crisi, è quella che ci porta fuori dall’Europa e fuori dall’Euro, che è incostituzionale (vorrei ricordare a Rodotà ); vorrei ricordare a tutti, che di fatto la cessione della sovranità monetaria coincide con la cessione della democrazia, infatti chi oggi decide delle nostre vite, sono i banchieri e non i fantocci che votiamo! Perché nessuno dice la verità? Perché nessun politico italiano ha il coraggio di dire che l’Italia è stata regalata ai banchieri?
Ora attendo di capire se sono fuori da tutte le gabbie, o se ancora devo capire come è fatta quella in cui mi trovo ora.