Analisi dei risultati elettorali europee 2014

Immagine

di Marco Consolandi

Se proprio vogliamo analizzare i dati freddamente, ci si accorgerà che non è come ce la raccontano. Il PD ha raccolto una buona parte (non del consenso) dell’ apparato clientelare che prima era di F.I. ,aggiungendolo al suo già grande e radicato e di conseguenza tutto il voto di scambio connesso, ciò nonostante non mi sembra che il PD abbia acquisito numericamente quantità di voti plebiscitari. Politiche 2013 voti: 10.353.275. Europee 2014 voti: 11.071.732. Con l’astensionismo cresce la percentuale ma non la sostanza. L’astensionismo è arrivato oltre il 40% (Roma per es 49%) senza sommare le schede nulle o bianche di cui non ho info e dati e in tutte le realtà territoriali dove si sono sviluppate maggiormente contraddizioni e lotte sociali l’astensionismo ha raggiunto il 50% e oltre. Per astensionismo intendiamo quel tessuto sociale eterogeneo, con idee e comportamenti contraddittori ma che non si sente rappresentato da nessuno dei partiti in questione, che vede lo Stato come nemico… Il PD oltre a vedersi riversare il voto clientelare, di cui ora ha il monopolio assoluto, ha inoltre il controllo oramai totale dei centri di manipolazione di massa, degli apparati sindacali di regime ecc. Ha convogliato anche il voto dei servi dei servi, ma questo è relativo e ininfluente. Quello di cui noi compagni dobbiamo prendere atto in questo momento, è che il PD si è confermato definitivamente come il nuovo PARTITO REGIME al servizio della TROIKA e del capitalismo multinazionale, partito neoliberista e reazionario a tutto tondo, ovvero il nemico di classe per eccellenza, quel partito che risponde alle lotte sociali, alla lotta di classe con la repressione senza mediazioni, che criminalizza, fotte, tassa, proletarizza ceti medi da sempre reggi mutande del potere statale, che disprezza, umilia con le sue elemosine, che sfrutta e precarizza milioni di proletari. Insomma, quello che voglio dire non è che vedo il bicchiere mezzo pieno ma che la situazione, vista da un punto di vista comunista, quindi sovversivo e rivoluzionario è eccellente. Il PD erede di quel partito dello Stato dentro la classe operaia ha terminato la sua totale metamorfosi, si è sublimato nella sua ultima forma. Da servo zerbino della borghesia a padrone quindi organico colluso e parte integrante al 120% di quella classe e dei suoi interessi !

10389988_10202942995513885_1057531777422783073_n

 

Annunci